tutto è collegato: appena cerchi di cominciare qualcosa, renditi conto (dell’ignoranza) delle implicazioni

Non esistono sistemi assolutamente isolati. Questo è vero… quasi assolutamente.

Che fare dunque?

Se cerchi di fare qualcosa, o ti accorgi delle addentellature con tutto l’universo, e perciò ti accorgi che stai cercando di smuovere tutto, oppure sei una rotella quasi qualsiasi. Invece se te ne accorgi sei una rotella quasi speciale. Bum, sparata la cavolata, evviva.

Tutto è collegato: alimentazione fisica, percezioni, pensieri parole dette e recepite quindi necessariamente pensate, umori, brame, paure, oppressioni, povertà, schiavismo e macchinalità… le virgole sono eccessi. I diavoli vogliono farci credere che le cose siano indipendenti, e vogliono che gli enti siano indipendenti. Anche loro, poveri diavoli, sono legati, sebbene sconnessi, SCOMMETTO.

Andrò a lavarmi denti e stoviglie.

Annunci

Informazioni su pianetavivo

pianetastro-wordpress@yahoo.it
Questa voce è stata pubblicata in etica, no(-)etica, poesie = cose da fare, polly-tyche e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...